LA MIA MAESTRA - Lucia Almini

Inviato da Tiziana il Mar, 05/12/2020 - 18:27

LUCIA ALMINI – La mia maestra

Ho incontrato Lucia ancora prima di conoscerla: prima a Milano ad una conferenza tenuta da Desikachar sullo yoga ai bambini: lei lo traduceva. Poi attraverso il suo splendido libro Yoga – La salute e la felicità nelle nostre mani - era il 2002 . Ho letto e riletto il suo testo con ammirazione per il suo stile di scrittura ma soprattutto per le immagini che da dello yoga, la gentilezza, la leggerezza e la competenza profonde traspaiono da ogni singola frase e parola. Mi corrispondevano profondamente. Nel frattempo ho fatto diversi validi percorsi di formazione come insegnante e miei personali, ma la mia ricerca è continuata fino a che nel giugno del 2013 l'ho contattata, sentivo al punto in cui ero, la necessità di una guida personale nello yoga, quindi ci siamo conosciute di persona; da lì è iniziato il mio percorso di yoga individuale che tutt'ora prosegue.
All'inizio mi ha offerto la sua fiammella affinché potessi andare dentro di me e far luce per trovare le mie motivazioni profonde, ero in crisi con lo yoga... ed anche con la vita! Mi ha ascoltata, ho sentito la sua disponibilità, la sua assenza di giudizio e... il mio cuore si è piano piano aperto... e mi commuovo ancora! Il suo è un vero servizio sotto tutti gli aspetti...
Con il suo accompagnamento ho potuto vedere parti di me, aggirare ostacoli che si presentavano sulla via, chiarire la mia posizione come insegnante di yoga, trovare più chiarezza in me e fiducia nelle mie capacità. Con Lucia studio lo yoga e conosco sempre più me stessa.

E' la persona più gentile che io conosca, è la gentilezza in persona! Ma anche determinata e molto precisa. Ha un orecchio eccezionale e se sbaglio nel canto dei Sutra si accorge subito!!!
E mi tocca ripetere fino a quando non è precisamente come deve essere.

Lucia ha studiato con T.K.V. Desikachar in India a Madras presso il KYM e per molti anni è stata sua allieva diretta, sia per lo studio cantato degli Yoga Sutra di Patanjali e altri testi antichi, che per lo Yoga Cikitsa (l'applicazione dello yoga in campo terapeutico) e i molteplici aspetti dello yoga.
A volte mi racconta del rapporto che avevano e di come lui sia stato più che un genitore per lei. Quando è morto non ha fatto in tempo a salutarlo ma era già in India ed è potuta andare dalla sua famiglia a Madras e partecipare ad alcune delle tante esequie che celebravano.

Mi sarebbe piaciuto conoscere Desikachar. Attraverso i racconti di Lucia ma anche attraverso lo yoga vivo che lei mi trasmette è come se arrivasse a me di prima mano, guardo le sue foto, il suo sorriso e mi si colma il cuore di tutto ciò che lui rappresenta...

Lucia ha al suo attivo molti studi e percorsi in ambito della comunicazione e della psicologia occidentale ed è anche counselor. Offre come servizio le sue conoscenze ed esperienze. Imparo da lei anche in questi ambiti e questo mi fa crescere come persona e come insegnante.

Thich Nhat Hanh, il maestro vietnamita che ha fondato l'ordine dell'Interessere è un altro suo punto di riferimento, che condivido per la profondità e la visione del mondo e dei rapporti, che si integra benissimo con il cammino dello yoga di Patanjali.